WIM WENDERS ::
TRIBUTE TO PINA BAUSCH

Una festa per i sensi, l’omaggio di Wim Wenders ad una delle più grandi coreografe del ‘900. Il brillante risultato è differente dall’opera immaginata insieme a Pina Bausch, purtroppo scomparsa durante la preparazione delle riprese. Il regista tedesco desiderava sperimentare la tecnologia 3D per restituire cinematograficamente la magia del Tanztheater e, soprattutto, “scomparire” tecnicamente il più possibile, per lasciar semplicemente emergere l’arte della danza.

Il film, grazie soprattutto alla passione dei ballerini della compagnia, è divenuto un’opera d’arte cinematografica a metà tra un collage sul potere visionario della danza ed un documentario sull’essenza dell’arte della coreografa tedesca. Nuovamente in scena per la cinepresa di Wenders, come fiabe da un cielo stellato, inframezzate da brevi soliloqui dei ballerini sul loro rapporto con Bausch, appaiono le scene più intense dai suoi lavori capitali. Come tutti i grandi artisti, cercava di mostrare la danza interiore dei suoi ballerini, la danza delle loro emozioni, colori per pitture in movimento, orchestrando in scena l’anelito della vita stessa. Partiture per corpi e musica radicali, semplici e dirette, per costruzioni scenotecniche sempre più brillanti ed innovative. Il farsi e disfarsi della vita tra i suoi colori ed elementi, come la torba ne Le Sacre du printemps o l’acqua nel meraviglioso Vollmond. La collector’s edition nei due DVD presenta dei materiali interessantissimi, tra cui un’intervista a Wim Wenders e 35 preziosi minuti di scene tagliate al montaggio.

Augusto Petruzzi
08.03.2012

PINA
A film by Wim Wenders
DVD – BIM, 2012